Athletic Pavia| Quale futuro?

Salvucci Fabrizio athletic pavia

Cosa è cambiato nella stagione 2019/20?

La Società Sportiva Athletic Pavia è nata nel 2013 con lo scopo di insegnare calcio, nel giugno 2014 ha firmato la concessione comunale per l’uso di un’area di 24.000 mq adibita a verde pubblico dal PRG e dalla stagione 2015-16 è iniziato il lavoro programmato per l’obiettivo della mission.
La mission dell’impresa è formare un settore giovanile che tenga conto di due principali aspetti: l’efficacia competitiva e l’aspetto educativo.

Nella stagione corrente 2019-20, la quinta programmata per l’obiettivo, Athletic Pavia gestisce 18 squadre: una prima squadra in Terza Categoria, due squadre nella categoria Allievi, tre squadre nella categoria Giovanissimi, tre squadre nella categoria Esordienti, quattro squadre nella categoria Pulcini, due squadre nella categoria Primi Calci, una squadra nella categoria Piccoli Amici, una squadra femminile e una squadra composta esclusivamente da ragazzi che presentano la Sindrome di Down, per un totale di 275 tesserati atleti e 72 tesserati dirigenti/allenatori.

Dalla stagione 2018-19 la società sportiva ha deciso di sperimentare due percorsi in alcune annate di categorie del settore giovanile:

  • Una squadra “Elfi”, composta da elementi che mostrano maggiore talento e disponibilità a un impegno settimanale di almeno tre allenamenti a settimana
  • Una squadra “Hobbit”, composta da elementi che, pur appassionati al gioco del calcio, mostrano minor talento o disponibilità a non oltre due allenamenti a settimana.

Tale doppio percorso è stato messo in atto per l’annata 2010 della categoria Pulcini, per l’annata 2009 della categoria Pulcini, per l’annata 2007 della categoria Esordienti e per le annate 2005 e 2006 della categoria Giovanissimi con la costituzione di una squadra mista 2005/2006.

Il settore calcistico nella provincia di Pavia, che ha una popolazione di oltre 500.000 abitanti, ha conosciuto nell’estate del 2019 uno dei punti più bassi della sua storia anche nelle altre principali città della provincia, come Vigevano e Voghera, con fallimenti, fusioni e addirittura l’allontanamento del Pavia Calcio dallo Stadio Fortunati di Pavia per eccesso di debiti nei confronti del Comune; segni di una difficoltà economica figlia di una programmazione tecnica ed economica approssimativa.

Questa situazione apre infatti un “vuoto tecnico” e quindi una possibilità di inserimento in cui la nostra Società Sportiva vuole posizionarsi. Athletic Pavia potrebbe divenire il brand di riferimento con un progetto a medio termine che riporti una squadra di Pavia nelle categorie professionistiche in un’ottica quinquennale.

Il piano operativo da sviluppare in 5 anni prevede:

1

Acquisizione e fusione con società sportiva che abbia la prima squadra in categorie di alto livello della Lega Nazionale Dilettanti (Eccellenza o Serie D)

2

Acquisizione in gestione di ulteriori spazi in modo da permettere l’attività di almeno 500 tesserati, senza escludere la possibilità della gestione o dell’affitto dello Stadio di Pavia come per lo scorso anno

3

Formazione di una squadra femminile di serie B da portare al più presto in Serie A

4

Sviluppo di due squadre per ogni annata di qualunque categoria giovanile, suddivise in Elfi e Hobbit

5

Sollecitazione alla costituzione di un campionato adeguato ai ragazzi portatori della Sindrome di Down

6

Completamento del centro sportivo in costruzione in via Stafforini denominato “San Giovanni Paolo II”, anche per avviare l’attività di aiuto allo studio per i ragazzi delle scuole medie superiori in maniera da:

  • Comprimere le spese fisse attraverso la costruzione di pozzi, il posizionamento di impianti fotovoltaici e la sintetizzazione di tutti i campi di allenamento (effetto: riduzione spese su utenze e manutenzione);
  • Aumentare gli incassi attraverso un aumento dell’utenza e la costruzione di nuovi spogliatoi, già previsti nel piano approvato dal Comune, del Centro Sportivo San Giovanni Paolo II. I campi totali da gioco attuali, sintetizzati o meno, a disposizione potrebbero quindi arrivare ad essere 3, a 11 omologati fino a Eccellenza e Giovanili regionali o nazionali, di cui uno fino alla Lega Pro e quattro campi a 7 in sintetico, un campo a 5 in sintetico.
7

Attivazione (già in corso) di uno studio medico, chiamato TICINELLO Cardiovascular&Metabolic, che supporti la struttura sportiva dal punto di vista sanitario con ortopedico, fisioterapista, cardiologo, nutrizionista e medico di Medicina dello Sport e con corsi periodici (ogni 2 anni) per abilitazione all’uso del defibrillatore semiautomatico da parte di personale non sanitario;

8

Lo studio e la realizzazione di un centro sportivo in Burundi nel villaggio di Kyriama, comune di Songa, Provincia di Bururi. Tale possibilità è già in corso di programmazione poiché il presidente di Athletic Pavia è presidente anche di una ONLUS che aiuta la scuola del villaggio di Ruzira, comune di Matana, provincia di Bururi, in Burundi e si è già recato due volte in Africa centrale per portare avanti il progetto della ONLUS e valutarne l’avvio di altri sia in ambito sanitario che in ambito sportivo;

9

L’avvio di attività collaterali come bar, concerti presso lo Stadio, Athletic Pavia Store, ristorante, affitto serale dei campi in sintetico disponibili, affitto salone per compleanni, convegni, momenti ricreativi, etc.

Salvucci Fabrizio

Cardiologo, Direttore sanitario Ticinello Cardiovascular & Metabolic, Presidente Athletic Pavia, Presidente Insieme Per Ruzira ONLUS

Codice Fiscale: SLVFRZ64M13G515T

P.IVA: 01843800184

I nostri contatti

Sede legale: 27100 - Pavia (PV) Lombardia Via Giacomo Franchi, 10

2020 © All Rights Reserved.
  • Powered by Blu System
  • Privacy Policy
  • Cookie Policy